[wordpress_file_upload]Se c’è una cosa che in rete non manca sono le informazioni. Avevo già scritto infatti di come, al contrario, in questo periodo storico ci sia un’eccesso di informazione ma una carenza di formazione.

 

La domanda da porsi però dovrebbe essere: quale informazione?

Districarsi tra bufale e banalità per trovare notizie attendibili e, azzardiamo, analisi edificanti non è sempre facile.
Nella mia “dieta” di notizie quotidiana c’è Feedly.

Feedly: un ottimo alleato per la tua informazioneFeedly-devices

Feedly (www.feedly.com) è un aggregatore di notizie disponibile tramite piattaforma web, consultabile dal browser oppure tramite app per Android e iOS.

Grazie a Feedly potrete selezionare siti, magazine e fonti in generale che considerate attendibili e particolarmente interessanti per leggerli come una vera e propria rivista.

Potrete fare ricerche su altre fonti, su singoli temi, salvare i contenuti per leggerli in un secondo momento o, ovviamente, condividerli. Nella versione premium ci sono ulteriori funzionalità ma devo dire che al momento la versione gratuita mi è più che sufficiente.

 

Alcune opzioni base di Feedly

 

  1. Ricerca

    Nella barra di ricerca in alto a destra potete cercare temi o argomenti di vostro interesse e scoprire quali sono le fonti più diffuse che ne parlano. Potrete a quel punto consultarle e decidere se aggiungerle alla vostra raccolta.

    Barra di Ricerca Feedly

  2. Aggiunta diretta di siti o blog

    Un aspetto interessante di Feedly è che la barra di ricerca permette anche di inserire siti o blog che già seguite e che sapete essere autorevoli. Aggiungendoli dunque potrete ricevere aggiornamenti da una fonte di fiducia.

  3. “Salva per dopo” (Save for later)

    Durante la lettura di un articolo in alto compare un segnalibro. Premendolo l’articolo verrà conservato nella sezione “Saved for later” presente nel menu in modo da poterlo leggere in un secondo momento o conservarlo come riferimento. Utile quando non si ha tempo di leggere immediatamente un contenuto potenzialmente interessante.
    Save-for-later-feedly

  4. Riordina le liste

    Sembra banale ma non lo è. Nella sezione di riorganizzazione puoi spostare, attraverso un meccanismo di drag&drop le varie fonti da una categoria all’altra, cancellare quelle che non usi da tanto tempo, cancellare intere categorie. Utile quando capisci che per leggere tutto avresti bisogno di tutta la giornata.
    Ricordati che non è importante accumulare il maggior numero di notizie possibili su Feedly, per quello ci sono strumenti migliori. Feedly è innanzitutto uno strumento per studiare e, in quanto tale, richiede di dedicarsi a pochi elementi ma in maniera molto attenta.

    Importante: ricordatevi poi di leggerli evitando di incappare nello Squirrel Behaviour, il comportamento per cui si tende a salvare risorse e articoli che non si leggeranno mai. In tal caso, se dovete farlo, fatelo bene con uno strumento come Pocket.

  5. Apri nel browser

    Con questa opzione l’articolo viene aperto direttamente nel nostro browser. Questo ha due vantaggi:

    1. Ottenere il link originale qualora lo si volesse copiare per inviarlo a qualche contatto, ad esempio su WhatsApp,
    2. Migliorare l’esperienza di condivisione sui vari social utilizzando i bottoni presenti nel sito o nel blog.
  6. Estensione per browser

    Ipotizzate di essere sul vostro PC e di capitare su un articolo interessante. Guardate il resto del sito e trovate conferme alla vostra prima impressione. Decidete dunque che vale la pena seguirlo e volete aggiungerlo al vostro Feedly. Con l’estensione di Feedly (qui quella per Chrome) potrete aggiungere in pochi secondi la fonte alla vostra collezione in modo da rimanere aggiornati.
    L’estensione rimarrà sempre in sovraimpressione in basso a destra sul vostro desktop. Sarà sufficiente cliccarci sopra e aggiungere il sito alla lista pertinente.

  7. Importa liste OPML

    Capita che qualcuno che condivide i nostri stessi interessi usi già Feedly e nel tempo abbia creato un buon deposito di fonti. Non è necessario inserirle una per una. È sufficiente chiedergli di scaricare la sua e caricarla nel nostro Feedly attraverso l’opzione Upload OPML.
    Importa-opml-feedly

  8. BONUS CONTENT

    Dulcis in fundo… per chi fosse interessato ecco il mio file OPML che potete caricare nel vostro Feedly.
    Per farlo è sufficiente cliccare in alto a destra sulla vostra immagine nella home page di Feedly –> Organize Feed –> scorrete fino in fondo –> import OPML –> caricate il file che avete scaricato dal link qui sopra.
    Di seguito alcune delle liste create per valutare se vi interessa prima di scaricarlo:

    – Risorse Google;
    – Marketing;
    – Social Media;
    – Analytics;
    – Tech;
    – SEO;
    – Analisi dei Media;
    – Smart City;
    – Politica interna;
    – Politica Estera;
    – Sharing Economy.

 

E voi, avete già usato Feedly? Vi trovate bene con altri aggregatori?
Scrivetemelo nei commenti.

Spero di esservi stato utile.

Grazie per aver letto fin qui e al prossimo #martedigital 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *